FMI: Lagarde fa marcia indietro; No austerity

Negli ultimi mesi ci sono stati eventi che lasciano una ferita troppo grande per i fautori dell’ Austerity: Brexit, vittoria di Trump in Usa e da quella del ‘No’ nel referendum costituzionale italiano. il Fondo Monetario Internazionale, uno degli assi portanti delle politiche liberiste ma bloccate dall’ Austeruty che hanno accompagnato i processi di globalizzazione degli ultimi vent’anni, adesso rinnegano la stessa austerità ammettendo che tali politiche non hanno fatto altro che aumentare disagio sociale e rabbia popolare, finendo per antipolitici e populisti.
Dunque la parola d’ordine è togliere il paraocchi e iniziare ad ascoltare e soprattutto a capire i disagi più profondi, con tanto di ammissione che è tempo di passare a politiche maggiormente ridistributive. La lagarde sembra aver deciso: No Austerity e si Ridistribuzione. Gli scenari economici potrebbero mutare anche nel breve tempo e si potrebbero spostare in una lotta contro la globalizzazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *