Quali sono le formule Excel più utili negli investimenti bancari?

Excel è un programma che negli ultimi anni ha rivoluzionato il modo di fare calcoli e automatizzarli.

Le operazioni di somma e sottrazione Excel, ci vengono continuamente in aiuto nei calcoli quotidiani, così come è vero che le griglie nei fogli di calcolo, possono essere utilizzate ad esempio per tenere traccia delle spese, dei bilanci familiari o anche per creare un inventario delle piccole attività commerciali.

Ma è anche vero che il foglio elettronico Excel, può produrre fogli di calcolo che possono venirci in aiuto in operazioni più complesse, come gli investimenti bancari.

Il fatto di utilizzare diverse operazioni non ci obbliga ad implementare le funzioni che necessitiamo, e se ad esempio abbiamo bisogno dell’operazione che fa la media, la cui formula si ottiene dalla somma degli elementi diviso il loro numero (inteso come quantità), dobbiamo sapere che questa è già implementata su Excel.

Dunque Excel possiede molte formule preconfezionate, che possono facilitarci compiti complessi ed evitare che siano implementate da zero, risparmiando così tempo.

Quindi è necessario analizzare quali sono le operazioni base per essere subito operativi quando necessitiamo di utilizzarle nel campo finanziario.

Tra le più comuni ricordiamo:

  • L’operazione media, implementabile con la formula MEDIA (elemento1, elemento 2,…);
  • L’operazione somma, che si scrive come SOMMA(elemento1, elemento2,..)
  • L’operazione che ci da l’elemento con il più alto valore MAX(num1, num2, ..)
  • L’operazione che ci restituisce l’elemento con il più basso valore MIN(num1, num2, ..)
  • L’operazione che conta il numero di elementi in ingresso , CONTA(num1, num2, …)

Ma come viene fatta l’analisi dei dati?

Una volta che abbiamo organizzato i dati, si dovrebbe cominciare a sviluppare delle conclusioni.

Excel ha due strumenti per cominciare ad analizzare ed esplorare i dati. Utilizzare questi strumenti risulta più veloce che creare formule per grandi quantità di dati , ma certamente si possono anche estrarre questi dati scrivendo la propria personale formula.

Queste funzioni speciali sono:

  • Le tabelle lookup, che sono usate per trovare dati specifici all’interno di una particolare tabella.
  • Le tabelle pivot. Queste consentono di riassumere, filtrare, ordinare e raggruppare dati così che ci si possa focalizzare su una determinata parte delle informazioni che ci è realmente utile per svolgere il nostro lavoro.

Queste sono le basi per cominciare a comprendere argomenti che meriterebbero di essere certamente approfonditi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *